Home » Consigli » Pulizia interdentale, meglio il filo o lo spazzolino interdentale?

Pulizia interdentale, meglio il filo o lo spazzolino interdentale?

La pulizia interdentale consiste nella pulizia dello spazio tra i denti con un filo interdentale oppure con degli appositi spazziolini. La finalità del procedimento è quella di rimuovere la placca che si crea tra i denti e nello spazio tra il dente e la gengiva. La pulizia interdentale dovrebbe venir praticata almeno una volta al giorno per prevenire le malattie gengivali e la parodontite, mentre particolare cura va prestata nel caso della presenza di impianti dentali. Infatti, nonostante più del 50% della popolazione soffra di parodontite (secondo uno studio del 1998), solo il 22% della popolazione sostiene di praticare una corretta igene orale, compresa la pulizia interdentale. Qual’è il motivo di tali discrepanze?

Una delle teorie è la difficoltà di utilizzo del filo interdentale. Infatti, non tutti hanno ricevuto indicazioni professionali su come utilizzare questo prodotto. Ma molti, nonsotante abbiano avuto numerosi consigli dal loro dentista, non riescono a utilizzarlo in modo corretto. Infatti, già un lieve problema motorico può rendere la procedura difficile. Con l’insorgere di alcuni disturbi dentali, quali quello della recessione gengivale, l’efficacia del filo interdentale è seriamente compromessa e bisogna ricorrere a servizi dentali professionali.

Recentemente sono comparsi sul mercato i cosidetti spazzolini interdentali, riconoscibili da un manico ergonomico e una sottile spazzola circolare, che possono avere caratteristiche di durezza e lunghezza variabili.

Uno spazzolino interdentale con le setole morbidi vi garantirà una corretta pulizia interdentale minimizzando le possibili lesioni alle gengive. La sua forma è adatta all’uso con una mano sola e spesso si è rilevato come metodo più veloce rispetto al filo interdentale. Ve ne sono in commercio svariate marche, da quelle acquistabili in farmacia a quelle del supermercato.

Sapendo questo, non vi rimane che scegliere il metodo che preferite e provvedere da subito alla vostra pulizia interdentale – avrete così meno probabilità di incorrere in parodontosi o altre malattie gengivali e terrete sotto controllo eventuali sintomi già presenti.