Home » Consigli » Problemi parodontali: tutte le informazioni su come procedere

Problemi parodontali: tutte le informazioni su come procedere

problemi-parodontali

La malattia parodontale e tutti i sintomi ad essa connessi riguardano i tessuti gengivali, il legamento parodontale e l’osso mascellare o mandibolare. Uno dei sintomi più lievi di problemi parodontali è la gengivite, mentre forme più gravi implicano la recessione, ascessi e nei casi più gravi la perdita dei denti (questo è il sintomo che in passato veniva chiamato, erroneamente, piorrea).

Come procedere una volta che vi viene diagnosticato un problema parodontale?
Innanzitutto, chiedete al vostro dentista di stabilire la gravità del sintomo e di pianificare con voi un piano di pulizia dentale sia dall’igienista sia a casa. Di caso in caso, vi sarà infatti bisogno di eseguire ripetute pulizie oppure dopo la prima seduta, si potrà fissare un ciclo più o meno intensivo di trattamenti dall’igienista (ogni 3 o 6 mesi).
In alcuni casi è consigliabile rivolgersi ad uno specialista parodontologo, che dopo aver consultato le vostre lastre e diagnosticato la gravità del problema, vi saprà spiegare quali sono i trattamenti neccessari per curare o tenere sotto controllo i sintomi.

Nel caso di malattie parodontali, sentirete spesso parlare di “tasche” – di cosa si tratta?
Con la recessione gengivale, tra la gengiva e il dente crea uno spazio che, nel caso di inadeguata igiene orale, viene colmato da tartaro e batteri, creando disturbi ai tessuti dentali. L’igienista specializzato è in grado di pulire tali “tasche” arrivando fino alla radice del dente ed asportando tutta la materia accumulata che provoca il disturbo. La convalescenza, che può durare anche qualche mese, assicura la guarigione dei tessuti.

E nei casi più gravi?
Se la malattia parodontale non viene diagnosticata precocemetne oppure il paziente non si prende cura dei denti come sarebbe dovuto, vi è il rischio della perdita dei denti. In questo caso è d’obbligo l’intervento del chirurgo specializzato in implantologia, che sarà in grado di stabilire lo stato dell’osso e quindi di procedere nel migliore dei modi per l’inserimento di impianti dentali.

Prima di arrivare alla necessità di ricorrere all’implantologia, vi consigliamo di chiedere informazioni al vostro dentista, o di rivolgervi ad un medico specializzato in parodontologia, su come prevenire e curare i sintomi di questa comunissima malattia dentale.